“Tutto quello che aveva” Mc12,44

Domenica 11 novembre 2012

Quando tutto quello che hai è Dio. È possibile affidare tutta la propria vita a Dio, confidando solo in Lui? Evidentemente si, altrimenti il sottoscritto non sarebbe qui a scrivere. Ma non è sempre facile. Durante la celebrazione Eucaristica riflettevo proprio su questo. Pensavo alle parole del Deuteronomio, “non di solo pane vive l’uomo” (Dt8,3). L’Eucaristia è il pane di vita che Dio ci dona. Non ne siamo però convinti; non viviamo la messa come se lo fosse; come se fosse l’unica risorsa della nostra vita, l’unica nostra certezza. Non siamo capaci di affidare la nostra vita a questo Pane, perché ancora non abbiamo fame, fame di vita, e desiderio di incontrare Dio. Questa è la differenza tra noi e la vedova del Vangelo di oggi. Questa povera donna, che il Vangelo ha immortalato nelle sue pagine, ha solamente Dio; la sua vita è totalmente affidata a Lui, e perfino quelle due uniche monetine, che probabilmente le sarebbero servite per comprare un tozzo di pane da mangiare, vengono offerte a Dio, come segno di totale abbandono. Non è una questione di soldi. Piuttosto è il voler far dipendere la propria vita,a tutti i costi, da Dio. Questo fa la differenza.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>