“Strada facendo” Mt10,7

Giovedì 12 luglio 2012

Molti si ricorderanno una vecchia canzone di Baglioni che faceva più p meno così: strada facendo vedrai che non sei più da solo / strada facendo troverai / un gancio in mezzo al cielo / e sentirai la strada / far battere il tuo cuore / vedrai più amore, vedrai … Qualcuno a questo punto si potrebbe chiedere cosa c’entra questa canzone con il Vangelo di oggi? Il Signore manda i suoi discepoli con povertà di mezzi, senza sicurezze, affidandosi esclusivamente alla provvidenza di Dio. Anzi, prevedendo anche un rifiuto esplicito da parte di qualcuno. Questo potrebbe (e qui la canzone calza a pennello), in alcuni momenti, generare nei discepoli uno sconforto, un senso di solitudine nonché di fallimento. E allora strada facendo all’improvviso “quel gancio” dal cielo raggiungerà ogni discepolo guidandolo per sentieri sconosciuti, per strade che all’improvviso si aprano in mezzo a deserti sconfinati. E in quel momento il discepolo scopre che Dio non lo ha mai abbandonato; come ci insegna la prima lettura di oggi (Osea 11,1-4; 8-9) Egli, Dio, ci insegna la strada giusta prendendoci per mano, e commuovendosi come un fa padre ad ogni piccolo passo del suo piccolo.  E allora … strada facendo vedrai che non sei più da solo / strada facendo troverai / un gancio in mezzo al cielo / e sentirai la strada / far battere il tuo cuore / vedrai più amore, vedrai … pace e bene!

 

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>