“Rallegratevi con me” Lc15,9

Dio ci viene a cercare, nonostante tutto. Forse il problema è l’atteggiamento che viene descritto all’inizio del Vangelo di oggi. Due atteggiamenti completamente diversi; quello dei peccatori, aperto all’ascolto della parola di Gesù. Quello dei farisei e degli scribi, critico e mormoratore. I primi aspettano una parola di speranza e di vita; i secondi aspettano di cogliere in fallo Gesù e in questo comportamento sono completamenti chiusi alla sua parola. Il Vangelo è la bella notizia di Dio; la sua gioia per l’uomo che si lascia trovare. Si perché, nelle due parabole, chi è in movimento è Dio; e va alla ricerca di chi si è perduto o si è smarrito. E finché non ha trovato quello che cerca non si arrende (cerca attentamente finché non la ritrova). Questa è la parola di speranza, la buona notizia che ci sorprende, se ci lasciamo sorprendere. Si, ancora una volta, sorpresi dalla gioia di Dio.

20121108-120048.jpg

2 comments to “Rallegratevi con me” Lc15,9

  • Stefania

    Bello lasciarsi sorprendere ancora! Bisogna averne il desiderio e la forza di riuscirci.

  • Fra Marco

    Grazie per aver lasciato un commento, i frati della PGV Toscana.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>