“quelli che l’avranno ascoltata, vivranno” Gv5,25

 

Riconoscere una voce presuppone averla udita almeno una volta. Ma avere familiarità con essa è qualcosa di più. “In verità, in verità io vi dico: viene l’ora – ed è questa – in cui i morti udranno la voce del Figlio di Dio e quelli che l’avranno ascoltata, vivranno” (Gv5,25). Coloro che hanno ascoltato in vita questa voce, non hanno nulla da temere, perché hanno con essa una relazione affettiva e confidente. Si è stabilito un legame, un vincolo, che è divenuto vitale. E quando sarà giunta l’ora, ci sarà la gioia di ritrovarsi nuovamente insieme.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>