“Quanti pani avete?” Mt 15,34

Mercoledì 5 dicembre’12

Quel poco che basta. Il vangelo di oggi insiste ancora una volta sulla fede. Un fede che scommette su quel tanto che abbiamo. Siamo ormai tutti figli dell’efficientismo, del perfezionismo, della tecnicismo, della prevenzione … e l’elenco potrebbe essere lunghissimo. Facciamo dipendere tutta la nostra vita dalla programmazione; non c’è spazio per i fuori programmi, che però stanno sempre li, pronti a saltarci addosso non appena si presenta l’occasione. E sono più che sufficienti per mandarci in tilt. Anche nei nostri ambienti si parla poco di provvidenza. Ci siamo dimenticati che Dio si prende cura di noi. Il virus del progettare nei minimi particolari la nostra vita si è talmente annidato dentro di noi, che ormai diventa quasi impossibile affidare totalmente la nostra vita a Dio, nonostante sia lui il datore di quest’ultima. Eppure, se nel momento in cui ci accorgiamo che siamo divenuti impotenti di fronte alle imprevedibilità della vita, anziché piangerci addosso, imparassimo a tornare al Dio provvido e misericordioso, quel poco che abbiamo basterebbe a farci ripartire. Perché Dio scommette sempre sul perdente in partenza, umanamente parlando. E’ la stessa Bibbia che ce lo racconta nelle sue storie. La nostra ragione non è più educata a fidarsi dell’invisibile; è attratta solamente dall’apparenza, da quello che vede e può misurare. E le apparenze spesso, ingannano. Dio non lo si può quantificare, ma solamente amare. E si sa, non esiste una misura per l’amore. Lo puoi solamente sperimentare. Prima però, ci è chiesto di mettere a disposizione quel poco che abbiamo. Il salmo 21(22) che la liturgia ci offre è un ottima meditazione!

Il Signore è il mio pastore, Salmo. Di Davide.

Il Signore è il mio pastore:
non manco di nulla.

Su pascoli erbosi mi fa riposare,
ad acque tranquille mi conduce.

Rinfranca l’anima mia,
mi guida per il giusto cammino
a motivo del suo nome.

Anche se vado per una valle oscura,
non temo alcun male, perché tu sei con me.
Il tuo bastone e il tuo vincastro
mi danno sicurezza.

Davanti a me tu prepari una mensa
sotto gli occhi dei miei nemici.
Ungi di olio il mio capo;
il mio calice trabocca.

Sì, bontà e fedeltà mi saranno compagne
tutti i giorni della mia vita,
abiterò ancora nella casa del Signore
per lunghi giorni.

1 comment to “Quanti pani avete?” Mt 15,34

  • Gina

    Grazie per le riflessioni e gli spunti che mi dai. E’ bello trovare ogni sera un pensiero

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>