“Entrate per la porta stretta” Mt7,13

Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che vi entrano. Quanto stretta è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e pochi sono quelli che la trovano!” Gli spazi angusti non piacciono a nessuno. Ma la capacità di adattamento anche in natura è fondamentale. Il problema è che istintivamente noi cerchiamo subito una gratificazione immediata; opponiamo resistenza al sacrificio. In molte discipline, comprese quelle sportive, è necessario sottoporsi ad un allenamento rigoroso se vuoi in qualche modo ottenere dei risultati. La fatica è premiata solo alla fine. Se lo sportivo, il musicista o chicchessia non si sottoponessero ad un duro allenamento che comprende anche una rinuncia al piacere immediato, di sicuro non riuscirebbero mai e poi mai a vincere qualcosa o ad eseguire un brano musicale dei più difficili. Così come per imparare a leggere e scrivere ci siamo dovuti esercitare molto, allo stesso modo per passare da quella porta stretta sarà necessario allenarsi con lo stesso rigore. Dalla nostra però abbiamo che attraverso il battesimo tutti gli “atleti” vengono dotati di un “equipaggiamento” per poter riuscire. All’inizio sarà faticoso, del resto come tutti gli allenamenti, ma non appena s’incomincerà a sperimentare la libertà del Vangelo, nonostante le difficoltà che non mancheranno mai, sarà difficile tornare indietro. E’ importante comprendere che il Vangelo che ci è stato donato, è un Vangelo di libertà. E si sa, la libertà, quando l’hai gustata, non la dimentichi più!

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>