“E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto” Lc1,45

Venerdì 21 dicembre’12

Bene! Se state leggendo questo commento, rallegratevi; vuol dire che siete ancora vivi e il mondo continua ad esistere con le sue contraddizioni. Di parole in questi giorni ne abbiamo sentite tante: troppe! Si sta avvicinando il Natale. Credo ci sia bisogno di un po’ di silenzio. Si c’è bisogno di silenzio per accogliere la Parola che ci viene donata. La confusione di questi giorni sulla fine del mondo ha dimostrato solo di quanto la gente possa essere manipolata dai media. Parole senza senso; parole che non si realizzano. La pagina del Vangelo di oggi è invece un invito ad imitare Maria, cioè a prendere sul serio le Parole di Dio rivolte all’uomo, perché si realizzeranno: E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto (L1,45). La fede fa parte della vita dell’uomo. Sin dai primi istanti di vita l’uomo si affida a qualcuno. Si tratta di un vero e proprio atto di fede nella speranza di diventare adulto e di invecchiare nel tempo. Nei genitori che ti dovranno crescere e ai quali ci si affida fin tanto che che non si diverrà capaci di intendere e di volere. Si crede nella scuola e negli insegnanti ai quali si affida la formazione culturale dei figli. Fiducia in una società che dovrebbe garantire un futuro e una dignità a tutti i cittadini. La vita stessa è infine un atto di fede. Non sempre però ci crediamo; basta davvero poco e subito tutto crolla. Credere è diventato difficile perché molti non sanno più distinguere le parole vere, autentiche, da quelle non autentiche e menzognere. La delusione che attraversa il cuore di molti ha come costruito un muro difficilmente abbattibile. Le parole autentiche però, quelle vere, le riconosci perché vengono da un cuore credibile e capace di trasmetterla. La fede dunque è un atto difficile se non, qualche volta, impossibile. Solo chi è disposto a mettere in gioco tutta la propria esistenza per quella parola, è credibile. E’ la sua vita stessa che la trasmette, perché la sua vita, i suoi comportamenti sono credibili. Si riconosce per la gratuità dei suoi gesti! E infine, nessuno può credere al posto di un altro. Non dimentichiamolo.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>