Il guastafeste (Mc 1,21 -28)

Martedì 14 gennaio ’14 – I sett. T.O.

Il guastafeste. Lo abbiamo ascoltato il giorno di Natale e durante l’Ottava, nel Prologo del Vangelo di Giovanni: le tenebre non amano la luce (Gv 1, 1-18). La menzogna non ama la verità. Ognuno di noi porta la sua parte di tenebra, senza per forza avere direttamente a che fare con il demonio. Tutti abbiamo la nostra zona oscura, nella quale non amiamo vi entrino la luce e la verità. Quando, infatti, questi si affacciano l’uomo – e non necessariamente il demonio – reagisce in malo modo. Abbiamo paura della luce perché abbiamo paura della verità. Siamo terrorizzati dal fatto che i famosi “altarini” vengano allo scoperto, e gli spettri che in essi sono custoditi siano liberati. Ed è proprio allora che la salvezza che ci viene offerta può trasformarsi in rovina. Dio da portatore di salvezza si trasforma – ma siamo a noi a trasformarlo – in uno scomodo guastafeste. Quella che inizialmente, e in maniera entusiastica, avevamo accolto come salvezza, come grazia, si manifesta ora ai nostri occhi come un sasso d’inciampo, o una tremenda palla al piede. Soprattutto quando accogliere tale salvezza comporta un radicale cambiamento di vita, o il dover operare delle scelte decisamente scomode e fastidiose. La prova del nove? La nostra resistenza interiore; il nostro attaccamento a quanto dobbiamo lasciare o abbandonare, fossero anche solamente i nostri pensieri, le nostre convinzioni o le nostre abitudini. Un autentico cortocircuito! La via d’uscita? Prendere consapevolezza e lasciarsi letteralmente rompere le uova nel paniere! E in fine stupirsi; si stupirsi della parola del Maestro. Lasciare che il cuore, costi quel che costi, si lasci sollecitare dal Vangelo, fino a farsi attrarre. É solamente nella libertà e nel desiderio della verità evangelica che impariamo ad accogliere la Luce. Proviamo oggi, con questa consapevolezza, a pregare il Padre Nostro, facendo attenzione alle parole; forse, questa preghiera, avrà un sapore diverso. Buona giornata, fra Marco.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>