“Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!” Lc3,6

II Domenica d’Avvento, 9 dicembre’12

Lo chiamavano Bulldozer …Spianare le montagne, riempire fossi e burroni, sgombrare e raddrizzare le strade… Dio è impazzito?! Non credo. Da soli non possiamo nulla; ma se collaboriamo con la sua grazia (2° lettura) tutto diventa possibile. Ci è chiesto di collaborare con Lui. Per vivere il Natale, in senso cristiano, perché nel nostro cuore possa scendere la gioia di Dio, il nostro impegno sta nell’individuare ciò che necessità di essere spianato, rimosso o colmato. Non possiamo in alcun modo trascurare la nostra qualità morale, ma pensare di fare tutto da soli, è fuori dalla nostra portata. La grazia di Dio, similmente ad un bulldozer può aprire una breccia nel nostro cuore, perfino la dove a noi sembra impossibile che egli possa operare. Ve lo immaginate Dio alla guida di un bulldozer … io, sinceramente, si! Nonostante le calcificazioni e le scorie presenti nel nostro cuore, gli strati di immondizia che possiamo aver accumulato nella nostra esistenza, ebbene quella grazia è capace di spazzare via tutto con il suo amore se solo siamo disposti ad assecondare e collaborare. Varcare la soglia del nostro cuore e rimanere in quel deserto affinché si possa udire quella voce che ci chiama e ci richiama continuamente, senza avere paura, perché in fondo, il lavoro più grosso lo farà Lui. Ecco, io faccio una cosa nuova: proprio ora germoglia, non ve ne accorgete? Aprirò anche nel deserto una strada, immetterò fiumi nella steppa (Is 43,19)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>