“Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna” Gv6,54

 

Il compromettersi di Dio è sconvolgente. Gesù si coinvolge completamente nel pane e nel vino. La carne e il sangue del Verbo incarnato sono vita. Carne e sangue nella Scrittura fanno riferimento a tutta la realtà della persona. Nella sua relazione con l’uomo Cristo si mette completamente a disposizione. Una tale disposizione, il […]

San Fedele da Sigmaringen, sacerdote cappuccino e martire

Lo chiamavano “l’avvocato dei poveri” perché difendeva gratuitamente coloro che non avevano denaro a sufficienza per pagarsi un avvocato. Marco Reyd – il futuro cappuccino fra Fedele – nato a Sigmaringen, in Germania, nel 1578, si era laureato brillantemente in filosofia e in diritto all’università di Friburgo in Svizzera, e aveva intrapreso la carriera forense […]

“Io sono il pane della vita” Gv6,35

 

Il pane. Alimento semplice e fondamentale. Non sono sicuro se oggi ne conosciamo il valore. Non è la stessa cosa mangiare il pane fatto in casa e quello preso al market avvolto in un pellicola di cellofan. Non hanno lo stesso sapore. Non sono uguali. Penso anche che l’abbondanza abbia fatto perdere il […]

“Voi mi cercate non perché avete visto dei segni” Gv6,26

“Il giorno dopo, la folla, rimasta dall’altra parte del mare” (Gv6,22). Inizia un cammino; il passare all’altra riva sembra quasi denotare un passaggio non solo spaziale, ma anche un salto nella fede per chi si è messo alla sequela di Gesù. Sappiamo che Mosè ha potuto portate il popolo solo sulla soglia della terra promessa. […]

“Dodici canestri” Gv6,13

«Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?». Diceva così per metterlo alla prova; egli infatti sapeva quello che stava per compiere (Gv6,5-6). Sembra che a volte il Signore si diverta. Sa benissimo quello che sta per fare, ma vuole provocare una risposta nei suoi interlocutori; ma non solo. E’ un metterli di […]

“Senza misura egli dà lo Spirito” Gv3,34b

“Egli attesta ciò che ha visto e udito, eppure nessuno accetta la sua testimonianza” (Gv3,32). L’obbedienza oggi è una virtù poco gradita; è vista come qualcosa che mina la mia libertà. Eppure solo chi sa obbedire è veramente libero. E l’obbedienza a Dio comporta una smisurata libertà perché esse viene donata direttamente da Dio: ed […]

“Dio infatti ha tanto amato il mondo” Gv3,16

Quando parliamo di fede, ci riferiamo innanzitutto ad una realtà che lega l’uomo a Dio. Io ho fiducia in qualcuno quando io conosco questa persona. Però non è sufficiente, perchè la conoscenza non genera la fede, pur essendo un elemento essenziale. Infatti anche se io conosco una persona, se questa non mi piace, non gli […]

“Il vento soffia dove vuole” Gv3,8

Nicodemo però rappresenta un preciso mondo religioso, culturale; egli ha già nella propria mente un’idea precisa di Gesù, un’idea che dipende anche dal suo ambiente: dice infatti “sappiamo”. Sembra convinto dell’identità di Gesù; riconosce i segni che Egli fa, ma proprio in questa sua convinzione sta la base della sua incomprensione. Nicodemo è […]

“E i discepoli gioirono al vedere il Signore” Gv20,20

Sorpresi dalla gioia. Nelle contraddizioni dell’uomo, Gesù si avvicina e si fa ri-conoscere. I vangeli continuamente ci mettono davanti al fatto che la presenza del Risorto è accompagnata da questa difficoltà. Gesù, però, é capace di entrare in relazione con il suo discepolo, di ristabilire una relazione che è contrassegnata da un segno evidente: la […]

“Figlioli, non avete nulla da mangiare?” Gv21,5

Dio si fa povero. I Vangeli ci insegnano a relazionarci con il Risorto. Gesù attende i suoi discepoli sulla riva. Per loro è una notte passata inutilmente. Non hanno preso nulla. E’ una scena già vista (Lc5,1-11). Ma Lui è li ad aspettarli; e si fa povero: “Figlioli, non avete nulla da mangiare?” o forse, […]